Loading...

SISTEMI POMPE DI CALORE

portfolio

POMPE DI CALORE

ENERGETIKA è specializzata nella vendita di impianti per il riscaldamento e la climatizzazione basati sull'utilizzo di energie rinnovabili, quali pompe di calore aria/acqua e geotermiche ad alta efficienza. ENERGETIKA con le pompe di calore NIBE colosso SVEDESE riconosciuto a livello europeo come top di gamma nel campo delle pompe di calore utilizzate per il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria , propone delle soluzioni integrati per le vostre abiatazioni e progetti .

 

La pompa di calore

Come intuibile dal suo nome, la pompa di calore è un apparecchio capace di estrarre energia dal sottosuolo per pomparla da uno stadio basso di temperatura ad uno stadio molto più elevato. Il principio di questo processo si basa sul cosiddetto "ciclo di Carnot", che lo scienziato francese Sadi Carnot sviluppò nel 1824: in un sistema chiuso, un gas si trasforma in diversi stati fisici attraverso processi di compressione, condensazione, espansione e decompressione , subendo il relativo cambiamento di pressione e di temperatura. Questo principio è tecnicamente messo in pratica in una moderna pompa di calore. Una pompa di calore è paragonabile ad un frigorifero, costituita da quattro componenti principali: il compressore, il condensatore, la valvola di espansione e l'evaporatore. Il cuore della pompa di calore è il compressore. Nelle moderne pompe di calore vengono utilizzati i compressori "Scroll", molto robusti e affidabili. Il principio di funzionamento si basa su due spirali intrecciate che ruotando aspirano e comprimono il gas. I particolari vantaggi del compressore Scroll rispetto a un compressore a pistone sono: meno parti in movimento, nessuna valvola di entrata e uscita, l'assenza di punti morti e di conseguenza, una elevata affidabilità, silenziosità ed un buon rendimento. Altro componente del circuito frigorifero ermeticamente chiuso della pompa di calore è il condensatore. In esso, l'energia termica proveniente dal terreno viene immesso nella rete di riscaldamento. Il trasferimento del calore avviene in controcorrente: il refrigerante entra da un lato dello scambiatore e l'acqua di riscaldamento dall'altro lato della piastra. Lo scambiatore di calore è costituito da diversi strati di piastre, che sono saldate. Il terzo elemento, l'evaporatore, è un ulteriore scambiatore di calore a piastre: in esso il liquido refrigerante decompresso estrae calore dal circuito delle sonde geotermiche. La fase di decompressione avviene nel quarto elemento del ciclo frigorifero che è la valvola di espansione. La valvola di espansione può essere paragonata all'ugello di uno spray. La regolazione di questa valvola avviene in modo automatico in base alla potenza richiesta. Per garantire un efficiente funzionamento l'intero circuito deve essere riempito con gas speciali chiamati gas refrigeranti. Essi sono speciali miscele di gas, prodotti artificialmente e devono soddisfare la richiesta di refrigerazione di una pompa di calore. I moderni refrigeranti sono ecologici e non danneggiano l'ambiente. Essi sono contrassegnati con la lettera R, come refrigerante, e segnati con una combinazione di numeri, come ad esempio R407C o R134a. Il processo di Carnot permette quindi, l'utilizzo dell'energia geotermica dal terreno in tutto il ciclo della pompa di calore per il riscaldamento dell'acqua. I vantaggi derivanti dall'utilizzo di una pompa di calore sono relativi al fatto che quest'ultima è il mezzo per riscaldare meno inquinante e meno costoso, con costi di esercizio e di manutenzione estremamente bassi. Altro vantaggio sta nel fatto che tale sistema consente di fornire più energia (sotto forma di calore) di quella elettrica necessaria al funzionamento; per funzionare utilizza solo il 25% di energia elettrica, mentre rende tre volte tanto in energia termica. Di conseguenza, il bilancio energetico è straordinariamente positivo.

Cos'è la geotermia?

Il termine geotermia significa "calore proveniente dalla terra" ed esprime l'energia termica immagazzinata nel sottosuolo. Questo calore raggiunge lo strato superficiale della terra per convezione, dove può essere impiegato per la produzione di energia termica. Il sottosuolo "funziona" come un serbatoio geotermico capace di rigenerarsi in modo continuo e autonomo.

I vantaggi della geotermia

- Più del 75% dell'energia termica necessaria per il riscaldamento proviene dal sottosuolo ed è gratuita
- Costo minore per ogni kWh rispetto a tutti i tradizionali sistemi di riscaldamento
- Minori costi di gestione annui con risparmi fino al 70% rispetto a tutti gli altri combustibili fossili
- Elimina ogni pericolo: nessuna fuga di gas, nessun pericolo di incendio
- Nessun camino, nessuna camera di combustione, nessun serbatoio per gasolio o gpl
- Nessuna pulizia
- Nessun collaudo annuale
- Manutenzione minima
- Alto rendimento
- Non è legata alla quotazione del petrolio e del gas
- Riduzione delle emissioni di CO2 del 55-100%
- Sistema universale per riscaldare in inverno, raffrescare in estate e per produrre acqua calda sanitaria
- Un unico impianto sostituisce due apparecchi: la caldaia e il condizionatore
- L'energia geotermica è rinnovabile e disponibile ovunque

Vale la pena investire nella geotermia?

L'energia geotermica è presente ovunque sotto i nostri piedi ed è possibile catturare questa energia utilizzando come vettore il liquido che circola all'interno delle sonde geotermiche. E' gratuita, naturale e rinnovabile e non subisce incrementi di prezzo negli anni.

Come funziona un impianto geotermico?

Un impianto geotermico necessita di 3 elementi fondamentali per poter funzionare:
- un sistema di captazione del calore
- una pompa di calore geotermica
- un sistema di accumulo e di distribuzione del calore
Il calore viene captato dal terreno attraverso delle tubazioni in polietilene che fungono da scambiatori: catturano l'energia del terreno e la portano alla pompa di calore. La pompa di calore "pompa" il calore ad un livello di temperatura più elevato e lo trasferisce all'impianto di riscaldamento o al boiler.

Pompe di calore aria/acqua

La pompa di calore aria/acqua preleva il calore gratuito dall'aria dell'ambiente esterno e lo cede all'acqua del circuito di riscaldamento. L'efficienza è garantita anche con temperature esterne fino a -25 °C. Una pompa di calore aria/acqua non necessita di perforazioni nel sottosuolo ed è pertanto il sistema economicamente più vantaggioso per riscaldare, raffrescare e per produrre acqua calda sanitaria. Queste pompe di calore aria/acqua trovano però limitazioni d'impiego nei casi di persistente umidità.

 

NIBE F2120

Unità esterna aria/acqua monoblocco NIBE F2120 è stata progettata per applicazioni di medie/grandi dimensioni sia di natura residenziale che commerciale, si presenta come unità di dimensioni compatte e di semplice installazione.

Funzionamento in riscaldamento ed in raffrescamento.

Dotata di compressore con controllo inverter. E' caratterizzata dall'innovativa tecnologia EVI per cui è in grado di lavorare sino a -25°C esterni con temperature di mandata fino a 65°C.

Per il funzionamento è indispensabile abbinare la macchina ad un modulo interno (VVM) o al sistema di controllo NIBE SMO 20/40.

 

Pompe di calore geotermiche

Il calore del suolo
Tramite sonde geotermiche installate nel terreno con profondità fino a 100 metri si recupera l’energia immagazzinata nel sottosuolo. La profondità delle sonde dipende dal fabbisogno termico della casa, dalla dimensione termica della pompa di calore e dalle caratteristiche del terreno. Buono a sapersi: a volte viene affermato che l’energia del sottosuolo non sia sufficiente quando anche i nostri vicini utilizzano già le sonde geotermiche. Nulla di più falso. La capacità del sottosuolo di immagazzinare calore è illimitata: l’energia geotermica è praticamente disponibile per tutti.
Vantaggi:
• basta poco spazio
• impatto irrisorio sul proprio terreno
• lo stesso impianto può anche raffrescare.

Pompe di calore acqua/acqua

La pompa di calore acqua/acqua preleva l'energia termica dall'acqua di falda costantemente temperata. L'acqua di falda presenta infatti una temperatura costante durante tutto l'anno tra gli 8 °C e i 12 °C, e non risente dell'influsso di fattori climatici esterni. Prima di iniziare l'installazione è doveroso verificare la profondità della falda, la qualità dell'acqua, la quantità disponibile e le disposizioni locali in materia. Vengono quindi realizzati un pozzo di alimentazione dell'acqua e un pozzo di scarico per l'allontanamento dell'acqua raffreddata. In caso di permessi concessi dalla provincia è possibile scaricare l'acqua raffreddata in aree idriche di superficie (corsi d'acqua, torrenti ecc.).

12345

NIBE UPLINK - Controllo remoto Ovunque, Sempre

NIBE UPLINK offre il vantaggio di monitorare e controllare la vostra pompa di calore Ovunque e Sempre!

Avrete una rapida visione generale dello stato della vostra pompa di calore e potrete visualizzare i parametri di funzionamento del sistema.

E in caso di malfunzionamento?

Voi stessi e il centro di assistenza riceverete simultaneamente un avviso di allarme via e-mail. Potrete quindi intervenire sul posto o da remoto per risolvere il problema!